Quattro tecniche per smettere di procastinare

Questo post è scritto da Marcello Marchese, appassionato di Persuasione e Vendita, fondatore e blogger di PersuasioneSvelata.com – Tecniche di Persuasione per la Vendita. Buona lettura!

Abbattere la Procastinazione

 

orologi

 

La procrastinazione: se non ci fosse probabilmente avremmo tutti delle vite migliori, più attive e con meno preoccupazioni. Procrastinare è un problema molto diffuso e ne siamo stati vittime tutti in qualche momento.

Quel compito di scuola che rimandavamo fino a ritrovarci a studiare la sera, quel pagamento che abbiamo rimandato troppo fino a perdere l’occasione o quel film al cinema che volevamo vederci ma non ci siamo andati fino a che non l’hanno tolto dalle sale.

Procrastinare comporta non solo perdersi un film ma spesso anche perdite di denaro: specialmente per chi è “capo di sé stesso”e non ha nessuno che lo costringe a lavorare rimandare un lavoro noioso ma importante può causare ingenti perdite.

Come possiamo quindi “auto-persuaderci” a svolgere quella mansione?

Vediamo qualche segreto di auto-convincimento…

Comincia…anche a piccoli passi

Il nostro cervello è come il motore di una macchina in un inverno freddo, ha solo bisogno della prima accensione giusta per poi continuare a funzionare.

Quello che può spaventare è il fatto di partire dal nulla e dover arrivare a qualcosa, infatti quando partiamo completamente da zero le possibilità finali sono infinite e non riusciamo a deciderci su quando cominciare seriamente e da che punto.

Per questo è importante essere coscienti di questo effetto e cominciare da subito: se lavori al computer e devi scrivere un libro crea subito il documento di testo e scrivi il titolo in prima pagina. Hai già qualcosa da cui partire e sarà più facile.

Inoltre si è scoperto che una volta che abbiamo cominciato qualcosa molto difficilmente, se questa ci interessa, riusciamo a lasciarla a metà. Quante volte infatti quando hai cominciato un libro hai avuto il pensiero costante di doverlo continuare e finire?

Era come se avessi un meccanismo in moto nel cervello che si poteva fermare solamente finendo la lettura del libro.

Questo effetto si chiama “effetto Zeigarnik” ed è stato scoperto dalla psicologa russa Bluma Zeigarnik mentre era seduta in un bar di Vienna. Notò infatti che i camerieri si ricordavano benissimo le ordinazioni mentre ancora le pietanze non erano state portate al tavolo e poi le dimenticavano subito quando la consegna era stata effettuata.

Si accorse quindi che qualcosa che lasciamo incompiuto agisce inconsciamente su di noi esercitando un potere notevole.

Smetti di studiare e metti in pratica

Tante volte mi capita, come internet marketer, di trovare infinite risorse specialmente americane davvero interessanti che andrebbero studiate tutte.

Il problema che si viene a creare è che si tende a cadere in un atteggiamento passivo con il focus sulla lettura e poca pratica.

Per questo bisogna suddividere bene il tempo e dedicarne almeno un 50% alla pratica. E’ normale rendersi conto di non sapere tutto della materia ma c’è anche un altro fattore: quello che si impara con i propri errori rimane molto più impresso e possibilmente la prossima volta non si sbaglia.

Uccidi le Distrazioni

Questo è un mega-problema e sicuramente Msn, Facebook ed email non aiutano. Quante volte capita di fare 10 minuti di lavoro e poi magari 15 di social network? Se ti accorgi che ti distrai facilmente cerca di eliminare il problema alla radice. Se lavori al pc per esempio disconnetti il router e concentrati sul tuo lavoro, automaticamente ad un certo punto aprirai il browser e cercherai di collegarti al tuo sito preferito ma ti accorgerai che non c’è connessione ed il motivo per cui l’hai fatto.

Anche l’ambiente influisce sulla tua capacità di concentrazione: investi su una buona sedia comoda che ti permetta di stare con la schiena dritta e che non sia troppo bassa o troppo alta rispetto alla scrivania.

Chiuditi in una stanza senza altre persone in giro in modo che nessuno ti possa interrompere e addobbala con elementi potenzianti come poster motivazionali, foto di persone che ti ispirano, ti motivano e ti ricordano di dare sempre il massimo.

Scrivi i tuoi obiettivi

Questo personalmente è il metodo che mi aiuta di più a realizzare i miei obiettivi. Quello che devi fare è il piano (della giornata o della settimana) elencando uno dopo l’altro i passi da realizzare. Obbligati a non poter fare il secondo se prima non termini il primo.

Questo metodo funziona perché in qualche modo hai deciso che quelli sono i task da realizzare oggi e quindi ti sentiresti deluso se rimanessero incompiuti. Inoltre ti da l’opportunità di organizzare meglio il tuo lavoro capendo quali sono le priorità e i piccoli passi per completare l’opera.

Spezzetta il Lavoro

Troppo spesso abbiamo un grosso lavoro di fronte a noi e ci paralizziamo perché lo immaginiamo come un problema insormontabile, il risultato è che non cominciamo mai.

I romani dicevano divide et impera cioè dividi e conquista, riferendosi al loro metodo di gestire il grande impero che si erano creato dividendolo in piccole regioni autonome in modo da gestirle meglio.

Anche tu puoi e devi utilizzare lo stesso metodo perché qualsiasi lavoro è comunque costituito da una serie di passi da seguire: spezzettandolo in questo modo avrai sempre di fronte un piccolo e facile obiettivo e sentirai meno questo senso di “paralisi” che può bloccarti.

Il Regalo

“Prima il dovere poi il piacere” diceva la nonna. Come possiamo utilizzare questo antico detto in modo costruttivo ancora oggi? Semplicemente decidendo di premiarci con un regalino alla fine di quello che dobbiamo fare.

Scegliamo qualcosa che ci stia veramente a cuore: può essere un film, un buon gelato, una passeggiata rinfrescante, qualsiasi cosa desideriamo veramente che ci può dare la carica per finire tutto in tempo.

Buon lavoro!

 

Comments

  1. molto interessante 🙂

  2. graziella says:

    complimenti…….per l articolo veramente interessante….sicuramente mettero in pratica alcune cose che ho letto.

  3. graziella says:

    oggi purtroppo non ho avuto il tempo per iniziare!!

  4. Almeno il titolo scrivilo bene!

  5. Buono tutto ma si scrive PROCRASTINARE! NON PROCASTINARE… è scritto anche in altri post! 😉 Ciao

    • Stefano scusa il commento non inerente, ma la home del tuo sito web ha problemi. Probabilmente si tratta di errori di codifica. Si vedono solo Punti interrogativi..Ciao

      • Stefano says:

        Strano, io non ho problemi ma sei già il secondo che mi segnala questa cosa. Grazie per l’avvivo, darò un’occhiata!

  6. complimenti… e nn soffermiamoci sul titolo sbagliato ma sul concetto del sito… ti fa riflettere molto complimenti..

    • comunque ho letto anke l’articolo su “una corretta alimentazione ” ti diro ke seguiro i tuoi concetti e iniziero da oggi.. sono una ragazza di 17 anni e che fra meno di nove mesi faro 18 anni.. hai ragione nn dv pormi l’obbiettivo di perdere peso xk dv indossare l’abito perfetto per la mia festa ma xk dv stare bene cn il mio corpo… comincero da oggi e nn dv deludermi se voglio stare bene cn me stessa… peso 70 kili e sono alta un metro e 65centimetri.. i miei amici e parenti mi dicono che non sto male con il mio fisico xk cmq nn ho “grasso in eccesso” ed e vero.. ho solo un po di fianchi ed e questo il mio problema… vorrei perdere almeni 2 o 3 taglie per stare meglio.. e un massimo di 10 chili.. li avevo persi con una corretta alimentazione andando da un nutrizionista ma dopo appena aver smesso di seguire qst regime alimentare ho cominciato a mangiare ino ad riacquistare i miei 10 kili persi… da oggi riprendere quel libricino nascosto in mezzo ad una montagna di libri di ricette 🙂 e ricomincere.. ho ank la cyclette a casa va bene se faccio 20 min al giorno? aspetto una tua risp … e grazie per i tuoi consigli sono un ottimo stimolo per andare avanti..

      • Stefano says:

        NON ascoltare i parenti, non ti diranno mai la verità. Anche se pesassi 110 kg, ti direbbero al massimo “ma sì, stai bene, fidati che non si nota.” Con la tua altezza, la soglia della normalità è sui 60 kg. Buon allenamento!

        Qualsiasi allenamento va bene, la triade magica è corsa, bici e nuoto.

  7. Salve Stefano e complimenti per il tuo blog. Trovo molto interessante i tuoi insegnamenti e ti ringrazio per la condivisione. Ho usato tecniche dal mio psicologo e dal mio coach ma volevo proprio sconfingere l’autosabotaggio in modo definitivo. Adesso sto legendo e continuo a leggere ma se hai una indicazione precisa vorrei che me lo facessi sapere.

  8. Nicole says:

    Ciao Stefano ho un problema..mi riduco sempre a studiare aal ultimo momrnto x un compito o un iterrogazione..il problema vero pero’ e’ che domani ho un interrogazione di biologia le pagine sono poche(20) ma io ci capisco poco e njente di queata materia ci metto qnni a studiare ememorizzare una pagina..hai qualche consiglio da attuare? Non e’ sicuro che domani mi interroghi,ma fra mercoledi’ e giovedi’ sicuro mi avra’ chiamata..aiutami!
    P.s frequento il terzo delle scienze umane e ho 16 anni. .Mi distraggo sempre nn mantengo mai la concentrazione cavolo! D: bqci nicole

    • Stefano says:

      Ciao Nicole, se ti riduci all’ultimo giorno non posso fare niente per te: devi metterti in testa che studiare è qualcosa che fai per il tuo futuro! I miei consigli ti torneranno utili solo quando sei decisa a dare il massimo, ma non sai come. Fino a quel momento, sta a te: vuoi essere solo mediocre, o vuoi essere una persona straordinaria? Sta a te decidere, adesso, cosa vuoi diventare.

  9. lo faccio ma dura il tempo di dirlo,ho sempre fame nervosa,non un vero motivo per mangiare.Vorrei potermi togliere la pancia del parto tutta smagliature e grasso e tornare come 5 anni fa almeno,mi sembra impossibile e troppo difficile da raggiungere e quindi poi mi ritrovo a non iniziare mai seriamente.

  10. Ciao e’ possibipe parlare.con.te in privato ?

  11. ciao stefano, nel caso qualcuno non avesse un ‘obiettivo’ che consigli daresti per raggiungerne uno?

Trackbacks

  1. […] Quindi oltre ai benefici in ambito di crescita personale avrai anche degli evidenti vantaggi in termini di relazioni interpersonali. Una doppia vittoria insomma, che dovrebbe quanto meno incuriosire anche i più scettici. Se tu stai leggendo questo blog significa che sei già sulla buona strada, e sei più avanti del 99% delle persone. E se vuoi passare dalla teoria alla pratica, sono sicuro che ti interesserà imparare come non procastinare! […]

  2. […] più felice;Riuscirai a sfruttare le opportunità della vita;Sarai più dinamico, più attivo, procrastinerai di meno;Non rischierai mai di annoiarti;Ti farai riconoscere in mezzo agli altri.Che sono tutte le […]

  3. […] settimana, magari ti annoti solo gli avvenimenti più importanti. Se vuoi sfruttare il diario per eliminare la procastinazione, allora dovrai metterti lì ogni sera. Altrimenti, sta a te: ovviamente più scrivi e meglio è, ma […]

  4. […] ogni caso, stavi procrastinando qualcosa, lo stai facendo anche adesso. Devi studiare per gli esami, realizzare il tuo grande […]

  5. […] 4 tecniche per sconfiggere la procrastinazione; […]

  6. […] E con questo, ho finito la mia lista personale di tecniche per non essere pigri in nessun ambito della vita. Applica a scelta uno o tutti questi metodi contemporaneamente e noterai fin dalle prime settimane un forte cambiamento in positivo nella tua vita. Ti è piaciuto l’articolo? Allora sono sicuro che amerai anche le quattro tecniche per smettere di procrastinare! […]

Speak Your Mind

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.