Stai dormendo abbastanza? Scoprilo con il test del cucchiaino

Vuoi sapere se dormi abbastanza? Non provare a contare le ore di sonno, quelle sono inutili. Un giorno ti senti stanco dopo 9 ore di riposo, altri dopo 6 ore sei sveglio e pimpante.

Sei convinto come me che dormire sia una perdita di tempo? Ok, va bene, ma almeno qualche oretta devi fartela nel letto per forza. Quante? Lo scoprirai in questo articolo, grazie al fantastico test del cucchiaino.

Ok, qual è l’obiettivo del sonno? Riposarsi. O meglio, essere riposati durante il giorno. Il test che ti voglio consigliare quest’oggi serve proprio a farti capire se sei abbastanza riposato, oppure hai una carenza di sonno.

cucchiaino

Il test del cucchiaino

Non ti serviranno grandi strumenti di misura: un cronometro, un cucchiaino, una sedia e una pentola.

Se sei già riuscito a capire cosa intendo farti fare, i miei più sinceri complimenti. 😀

  1. Metti il cucchiaino sull’orlo della sedia, e tienilo fermo appoggiandoci sopra una mano;
  2. Posiziona la pentola sotto al cucchiaino;
  3. Portati questo congegno vicino al letto, e sdraiati comodo;
  4. Ora crea tutte le condizioni perfette per addormentarti: niente rumori molesti, spifferi di luce, profumi di torte appena sfornate (sì, anche quello influisce);
  5. Fai partire il cronometro;
  6. Addormentati. Quando lo farai la tua mano scivolerà via dal cucchiaino, che cadrà nella pentola facendo un bel rumore;
  7. Questo ti sveglierà, e potrai fermare il cronometro.

Tutti questi sette punti per un solo risultato: capire quanto ci metti ad addormentarti.

Gli studi hanno dimostrato una forte relazione fra la stanchezza e il tempo in cui ci si addormenta: più si è stanchi meno ci si mette. Hanno scoperto l’acqua calda, mi verrebbe da dire.

Come interpretare il test

Se arrivato ad un numero, il tempo sul cronometro che ti dice dopo quanto ti sei addormentato. Come puoi interpretare il risultato?

Anzitutto, questo esperimento deve essere fatto di mattina o di primo pomeriggio. Se lo provi di sera otterrai risultati fasulli, perché è ovvio sentirsi un po’ stanchi dopo una giornata in ufficio o a studiare.

E seconda cosa, se stai provando il sonno polifasico questo sistema non funzionerà. Ovvio, lì devi dormire più volte al giorno e hai dei ritmi tutti particolari!

Escluse queste due indicazioni, segui la seguente tabella per valutare il tuo livello di attenzione:

  • Se ti addormenti entro 5 minuti, hai gravi problemi di sonno;
  • Se ti addormenti entro 10 minuti, hai problemi di sonno moderati;
  • Se ti addormenti entro 15 minuti, hai leggeri problemi di sonno;
  • se ti addormenti oltre i 15 minuti, non hai nessun tipo di problema.

Ripeto che questo test va eseguito nella prima parte della giornata, addormentarsi a mezzanotte entro cinque minuti significa essere perfettamente in forma! Io ci metto più o meno quel tempo.

Cosa fare se stai dormendo male?

Se di mattina e primo pomeriggio ti addormenti troppo velocemente, significa che di notte stai dormendo male. Questo può avere due cause:

  1. Stai dormendo troppo poco;
  2. Stai dormendo troppo male.

Quindi puoi agire su due livelli: quello quantitativo e quello qualitativo. Se  dormi almeno sei ore e mezza a notte, significa che stai già dormendo abbastanza.

Ma come, ma non dovevo dormire 8 ore a notte per vivere bene?

No, non è vero. La quantità magica di sonno è di 7 ore per la maggior parte delle persone, ma con le giuste tecniche puoi scendere di un’altra mezz’ora (anche un’ora). Per farlo, dovrai addestrare la tua mente ad entrare in fase REM velocemente per non sprecare tempo nella fase del pre-sonno, quella che ogni volta ti prende almeno 20 minuti.

Potrei stare qui a raccontarti per venti minuti le tecniche per accorciare il pre-sonno ed entrare in fase REM direttamente. Potrei spiegarti tutta la teoria del ciclo circadiano e annoiarti con storie simili. Poi tu passeresti due settimane a fare esercizi e alla fine riusciresti a dormire bene.

Oppure possiamo prendere la strada diretta e già da stanotte proverai i benefici di un riposo ottimizzato. Come? Attraverso un canale diretto con il tuo inconscio: i suoni per dormire bene. Clicca qui per saperne di più.

Conclusione

Prova il test per più giorni e a diversi orari, in modo da avere una panoramica completa su quello che è il tuo ritmo ideale. Noterai che i tempi variano da un giorno all’altro, segno che le ore di sonno non sono in realtà un indicatore affidabile.

Il test del cucchiaino è la cartina tornasole per tutti i tuoi esperimenti sul riposo: non dovrai più andare a sensazione, ma avrai uno strumento affidabile per misurare i risultati. Questo, e la tabella di marcia della scala del sonno.

Test istantaneo: in questo momento in quanto tempo credi che ti addormenteresti? Fammelo sapere nei commenti. 🙂

Vuoi dormire bene? Per scoprire subito quali sono le migliori azioni che puoi fare per dormire bene ogni notte, scarica gratuitamente il mio manuale del riposo perfetto: inserisci nel box qui sotto il tuo nome e indirizzo email, potrai leggere il report gratuito fra un minuto. Scoprirai:

  • Quali sono gli errori più comuni che ti fanno dormire male.
  • Come svegliarsi al 100% senza trascinarsi dietro il sonno.
  • Come dormire di meno ed essere più riposato.
  • Come addormentarsi velocemente.
  • Gli strumenti gratuiti che puoi usare per migliorare il tuo sonno da oggi.

Inserisci il tuo nome, indirizzo email e fai click su “Scaricalo ora” nel box qui sotto per ottenere subito il tuo report: niente spam, niente pagamenti nascosti, niente trucchetti. Garantisco io. 😉

Comments

  1. Ma perché allora io molte volte la sera vado a letto stanchissimo, e sottolineo stanchissimo, al buio senza rumori, ecc… ma mi addormento molto tardi?

    • Stefano says:

      Ti consiglierei di scaricare il manuale del riposo perfetto, ma se non ricordo male tu l’hai già letto giusto? Lì dentro dovrebbero esserci tutti i consigli di cui hai bisogno per dormire bene. Sicuro che stai applicando i suggerimenti che ti do nell’ebook?

      Per avere una misura di quanto tempo ci metti ad addormentarti prova il test del cucchiaino di sera quando vai a letto: avere una misura precisa del problema aiuta a trovare una soluzione. 😉

  2. Giuseppe says:

    oggi provo il sonno polifasico,nello specifico l’Everyman, spero che funzioni! Complimenti per il blog che sequo da pochissimo ma è pieno di articoli interessanti,continua così 🙂

    • Stefano says:

      Buona fortuan con l’Everyman Giuseppe! È la scelta più bilanciata se vuoi fare un sonno polifasico serio, ma non puoi compiere tutti i sacrifici richiesti da Uberman. Io ne sono rimasto molto soddisfatto, spero che sarà lo stesso anche per te. 🙂

  3. Ciao Stefano,
    Credo che se mi buttassi a letto il pomeriggio forse prenderei sonno la sera! 🙂
    Sono sempre stato molto regolare con il sonno e ogni tanto mi è capitato di buttarmi nel pomeriggio con mia nipote… Impossibile addormentarmi!
    Mi fa piacere avere la conferma che in quanto a sonno sono a posto!!
    È però un test che sicuramente consiglierò di fare sicuramente a parecchia gente…

  4. giulioz says:

    a proposito di sonno e sogni, conosci questo sito? http://www.sognilucidi.it/mediawiki/index.php?title=Pagina_principale

  5. Fabrizio says:

    Interessante questo metodo 😀
    In effetti sembra si sia scoperta l’acqua calda… ma è una di quelle cose “banali” che non viene in mente facilmente 😉
    Anche se io non credo di avere problemi nell’addormentarmi subito… anzi… al massimo mi addormento dopo massimo 30 min la sera tardi.. o il pomeriggio quando sono molto stanco al livello psicofisico.. (a volte può essere anche solo lo stress di un viaggio… ma mi fa sentire stanco :\)

    • Stefano says:

      30 minuti sono tantissimi, di sera dovresti dormire entro 10 minuti per dire di non avere problemi di sonno. 😉

      • Fabrizio says:

        No ma infatti dico proprio se mi passano cose per la testa e non sono stanco credo che massimo in 30 min prendo sonno… altrimenti credo di metterci 10 – 15 min.. a volte anche in 5 o meno… dipende dalla stanchezza xD
        Poco tempo fa mi è capitato di voler riposare per 15 minuti perchè mi sentivo stanco…
        Mi sarò addormentato sicuramente in meno di 5 minuti (forse 2 o 3).. ho dormito per 15 minuti ma mi è sembrato come se avessi dormito tantissimo… mi sentivo soddisfatto 🙂

  6. miaresa says:

    Ciao Stefano complimenti per il tuo sito.
    Ti seguo da un bel pò, sarà timidezza da social network, ma non mi riesce facile scrivere.
    Stavolta voglio un tuo parere su una cosa che mi è successa la settimana scorsa.
    Non sono giovanissima ma mi è successo di stare lontana da casa e la scelta dell’hotel non si è rivelata buona, per farla breve non ho dormito per un secondo, sono stata tutta la notte sveglia, tra l’altro non funzionava nessun collegamento perchè potessi distrarmi in qualche modo. Per fortuna non sono andata in panico e il giorno benchè stessi seguendo dei corsi non ho risentito quasi nulla ma la sera anche cambiando albergo ho impiegato tanto per addormentami ( a quel punto mi stava venendo un attaco di panico) ma alla fine ho dormito, stessa scena la sera seguente. Non mi era mai successo di non dormire per nulla, anche in situazioni tragiche uno per alcuni minuti si appisola ma quella notte proprio nulla. Anche se ho paura che possa succedere di nuovo ( con quelle stesse condizioni) so anche che posso lavorare normalmente senza che nessuno se ne accorge. Ma la domanda che voglio farti ma è possibile non dormire e fino a qunti notti allora? Naturalmente senza prendere eccittanti di nessun genere……………..solo con l’ansia.
    Grazie e buon lavoro

    • Stefano says:

      Hai paura di viaggiare? Se ti vengono veri attacchi di panico si va ben oltre quello che posso fare io con i consigli per dormire bene.

      • miaresa says:

        no, non ho paura di viaggiare e non sono veri attacchi di panico solo ansia data dalle circostanze, in questo caso un albergo dove non c’era alcun segnale per i cellulari, non c’era nessun’altro in albergo e sotto c’era una specie di locale rumoroso aperto tutta la notte ………..quello che mi ha stupito è non dormire affatto ( in condizioni normali per addormentarmi mi ci vogliono pochi minuti, non sono una dormigliona da 9 ore e + ) e rimanere comunque ben sveglia durante il giorno anche svolgendo compiti di un certo impegno e senza accusare alcun malessere. Finora se mi succedeva di dormire poco il giorno dopo ero uno straccio perchè questa volta il mio cervello si è comportato in maniera diversa e come posso replicarlo a mio vantaggio?

        • Stefano says:

          Mi dispiace ma non c’è niente da fare: per vivere bene dormire bene, non ci sono trucchetti per dormire poco ed essere attiva, sonno polifasico a parte. 🙂

  7. Jasmine says:

    Questa secondo me è una stupidaggine: io ci metto almeno tre ore ad addormentarmi e al minimo rumore mi risveglio. Eppure sono stanchissima e cado dal sonno ogni singolo giorno da tutta la vita.

    • Jasmine says:

      Mi spiego meglio: io dormo al massimo tre ore ma non consecutivamente e male, eppure ci metto tre ore ad appisolarmi (se in quel momento sento una porta che scorre le notte perché qualcuno si alza per andare al bagno io sto da capo a dodici e le tre ore ricominciano, tanto che io posso anche non dormire per niente per due giorni consecutivi studiando e facendo tutto quello che devo fare ogni giorno).

  8. axxo mi sono addormentato prima di arrivare alle conclusioni ……

Speak Your Mind

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.