5 trucchi per semplificare la tua vita a partire da oggi

“La verità si ritrova nella semplicità, mai nella confusione”

– Isaac Newton

La vita non deve per forza essere complicata.

Te lo dicono i genitori, te lo dice la scuola, fra un po’ te lo diranno pure i muri. E se si sbagliassero tutti? E se fosse possibile vivere una vita semplice, ordinata e priva di confusione?

Non è un sogno. La vita è quello che tu decidi di fare, di sperimentare, di pensare. Vuoi essere stressato fino alla fine dei tuoi giorni? Nessun problema, è la cosa più facile del mondo. Basta continuare a seguire gli altri.

Se invece vuoi veramente vivere una vita semplice, spensierata e libera dalle preoccupazioni quotidiane, dovrai diventare un leader. Il leader di te stesso. Dovrai prima mettere una membrana impermeabile fra te e i problemi, e poi liberarti di quelli che già hai addosso.

Oggi voglio metterti sulla buona strada, con un elenco di 5 trucchi che semplificheranno la tua vita e ti aiuteranno a liberarti dei problemi per vivere meglio.

semplifica la vita

1 – Spegni la cavolo di televisione

O buttala giù dalla finestra (avvisando prima i passanti).

Io ormai non seguo più un TG da… Sarà un anno e mezzo, e la mia vita è diventata cento volte più semplice. La televisione la accendo solo per seguire qualche documentario o programma di cucina, poco altro. Anche per i film preferisco i DVD, con tutta la pubblicità che fanno su Rai e Mediaset!

I programmi fanno a pugni per avere l’attenzione degli spettatori, in modo da farsi belli con l’Auditel. E quindi mandano in onda solo le cose che attirano maggiormente gli sguardi: il pessimismo.

Quelle rare volte che mi capita di sentire un notiziario, mi cadono le braccia. Crisi di qua, omicidi di là, guerra da tutte le parti del mondo. A proposito, lo sapevi che questo è il periodo con meno guerre in assoluto in tutta la storia dell’uomo?

Da quello che sento dire ogni giorno, pare che il mondo stia per esplodere da un momento all’altro. Eppure io sono ancora qui a scrivere, ho un lavoro, ho dei sogni e sto lavorando per realizzarli. Capperi, credo di avere addirittura un futuro! In barba a quello che mi dice Cristina Parodi, io sono una persona felice.

Finché non ti stacchi dalla TV, non riuscirai mai a semplificare la vita. Se tutti ti dicono che le cose vanno male, finirai per crederci. È il concetto base della persuasione.

Vai controcorrente, e non ascoltare quello che ti dice la massa. La gente vuole le cose complicate, vuole insultarsi col vicino di casa sui temi politici, gli piace pensare che il mondo va a rotoli ed è circondato da incapaci che gli stanno rovinando la vita. Vuole pensarlo, perché è più facile: se sono infelice la colpa non è mia ma del governo, della crisi, del vicino di casa.

Ma perché devi partire dal presupposto che sei infelice? Chi l’ha detto?

Cambia prospettiva: tu sei felice. Non hai ragione per non esserlo, sei una persona fortunata e in gamba. Sì, sono sicuro che sei in gamba! E se sei in uno stato di benessere devi ringraziare te stesso, quindi datti una pacca sulla spalla adesso.

Fatto? Bene, allora sei pronto per passare al punto 2. 😉

2 – Migliora ogni giorno

La vita è una scalinata: piccoli gradini per arrivare in alto con poca fatica. Se l’Everest avesse una scala che arriva fino in cima, sarebbe molto più facile arrivare alla vetta. Invece è tutta una ripida parete con pochi punti di appoggio.

Ora, la tua felicità è una montagna e tu vuoi arrivare fin lassù, sta a te decidere se arrampicarti sulla parete o prendere la comoda scala. Perché complicarsi la vita? Inizia dal primo gradino e vai su con calma!

Questa metafora ti fa capire che non sei obbligato ad affrontare di petto tutti i problemi e gli obiettivi che ti si parano di fronte. Fai una scelta intelligente, e spezzettali in più gradini. Semplificali, vai con calma.

La stessa filosofia vale con lo studio. Il mio metodo prevede di non stare mai più di 3 ore al giorno sui libri, 4-5 quando proprio sono ingolfato e con l’acqua alla gola (successo un paio di volte negli ultimi anni). L’importante è la costanza, rendere il miglioramento un’abitudine.

E tu devi prendere l’abitudine di fare qualcosa di utile ogni giorno. Prendi a scelta un tuo problema o un tuo obiettivo, e fai qualcosa per risolverlo o raggiungerlo. Datti anche solo 10 minuti al giorno per migliorare te stesso. Il segreto? Dopo 10 minuti non vorrai più smettere. 😉

Questo ti permetterà di proseguire piano piano, giorno dopo giorno in un costante percorso di crescita personale. Senza che tu te ne accorga, risolverai con calma tutti i nodi della tua vita.

Ma attenzione, vantaggio bonus! Arrivato a sera ti sentirai felice, perché ti renderai conto di non aver buttato via una giornata in cose inutili.

3 – Impara le regole del buon riposo

Sì, torno alla carica con questo concetto perché è fondamentale. Se non dormi bene non vivrai bene. Addirittura, dormire troppo poco aumenta il dolore!

Puoi scoprire se stai abbastanza nel letto con la scala del sonno dell’università di Stanford, oppure con il pratico test del cucchiaino.

Credi che dormire poco significhi solo essere assonnato tutto il giorno? La verità è che avrai una serie di ripercussioni negative, fra cui:

  • Incapacità di risolvere i problemi;
  • Pessimismo cronico;
  • Pigrizia;
  • Calo della creatività;
  • Incapacità di memorizzare le cose;
  • Scarso rendimento in qualsiasi attività;
  • Sensazione di oppressione, di problemi che si accumulano;
  • Un migliaio di altre cose.

Fatti un favore e impara a conoscere il tuo corpo, a soddisfarlo quando ti chiede di dormire. I caffè aiutano fino a un certo punto, ma non possono sostituirsi ad una buona dormita.

Se non lo fai, la tua vita si complicherà perché non sarai più in grado di risolvere i problemi più banali. Qualsiasi inconveniente ti sembrerà una montagna insormontabile.

4 – Dedica del tempo a te stesso

Sarai oberato di problemi, sarai occupato a salvare il mondo dal vicino di casa malefico, ma anche gli eroi possono prendersi un giorno di pausa. 😉

Se proprio hai mille cose da fare, ti sembrerà una perdita di tempo. In realtà un giorno alla settimana di stacco totale da tutte le preoccupazioni ti aiuterà a lavorare meglio, e aumenterai la tua produttività generale.

Non solo ma… Sì, l’hai intuito, ti renderà la vita più semplice. Sapere di non poterti mai rilassare è opprimente, ti manda in panico e crea confusione. Prenditi quel giorno a settimana per rimettere ordine nella tua mente, e usalo per programmare con tutta calma la settimana successiva.

Avere un piano strutturato come una formula matematica, dove sai sempre cosa fare, ti permetterà di ridurre gli sprechi e sfruttare meglio il tuo tempo.

5 – Fai quello che ti piace

Un esperimento svolto da un professore di psicologia dell’università dell’Idaho, negli Stati Uniti, ha dimostrato che il cervello tende a considerare più semplici i compiti che ci piacciono. Quelli gravosi, invece, vengono visti come più ardui.

Scegli una carriera, scolastica o lavorativa, che ti appassiona. Non appiattirti al minimo indispensabile, mettici sempre la passione in quello che fai. Devi sentire il tuo cuore battere quando pensi a quello che farai nei prossimi mesi, devi essere impaziente di vedere il tuo futuro.

In questo modo semplificherai in modo naturale la tua vita, senza nemmeno pensarci. La passione ha la magica capacità di mettere in ordine le cose. Non mi credi? Prendi una cosa che ti piace veramente. Diciamo le Formula 1. È un argomento abbastanza complesso fra regolamenti che cambiano ogni anno, portanza aerodinamica, mescole delle gomme e così via. Eppure per te è semplice.

Ti ho convinto? 😉

Imposta il tuo futuro in modo che non incontrerai mai lo spettro della noia perenne. Sarebbe un disastro.

Conclusione

Se segui correttamente questi cinque consigli zen, sarai sulla buona strada per semplificare la vita e risolvere i tuoi problemi.

Inizia con calma, come ti ho detto basta fare il primo passo. Rilassati, e inizia adesso. Tutto il resto verrà di conseguenza.

Quali di queste cinque strategie già metti in pratica, e in quali invece puoi migliorare? Fammelo sapere nei commenti. 🙂

Comments

  1. Christian says:

    bell’articolo … (come sempre) .-)

    per il punto 2 sto mettendo in pratica quanto segue:

    ogni giorno cerco di essere migliore del giorno prima. Ad esempio se ho studiato n pagine di un testo, il giorno dopo ne studio n+1…
    leggo 3 articoli di crescita personale il giorno dopo leggo ne leggo 4… ovviamente non sempre ci riesco, ma non fa niente…

    però questo “impegno” sta aumentando la mia soddisfazione personale e di conseguenza la mia autostima…

    magari può essere un consiglio utile per tutti…

    a presto…

    • Stefano says:

      È proprio questo lo spirito, Christian! Ma occhio che così migliori sì, ma presto ti troverai con troppo poco tempo a disposizione. Quindi tieni un occhio anche a questo fattore, per non trovarti con l’acqua alla gola (come me in questo periodo, che sto lentamente migliorando). 😉

      • Christian says:

        eh si Stefano, hai proprio ragione… anche perchè le ore a nostra disposizione non sono infinite … 🙂

        • Stefano says:

          Il problema è che io me ne sono accorto quando di tempo non ne avevo più! Piccolo errore di calcolo…

  2. Sacrosante parole!
    Le condivido tutte, nessuna esclusa!!!

  3. philipp says:

    Si,per rinascere a 37anni ed ad ottimizzare il tempo…
    Superato i primi 10/15minuti ciò che si vuole fare è
    Semplicemente gradevole…!

  4. pancrazio says:

    bello bello

    penso che con il tempo aggiungerai qualcosa
    ma va benissimo così com’è

    ciao e alla prossima 🙂

    • Stefano says:

      Di tecniche per semplificare la vita ne conosco, visto che l’articolo pare che piaccia di sicuro tornerò sull’argomento. 😉

  5. complimenti per l’articolo

  6. nataskja says:

    Grazie per il contributo che ci dai sempre. . . sei straordinariamente empatico. . . ed ovviamente intelligente! un caro saluto

    • Stefano says:

      Prego Nataskja, e si che fino a poco tempo fa mi credevo completamente non empatico! Pare che le cose cambino. 😀

  7. pancrazio says:

    mi è proprio piaciuto
    anche perché, hai una sintesi non comune (che a me manca per esempio)

    io aggiungerei, ( ma è una mia opinione) di “non tener conto del giudizio altrui”, cosa che ritengo fondamentale,e che, scorrendo nel tuo forum, mi sembra condividi.
    devo dire che traspare, tra le righe, anche dal tuo articolo, pur non esplicitamente

    Il mio vuole essere solo un personalissimo compendio

    spero di essere stato di aiuto

    vi saluto tutti

    ciao e alla prossima

    :):)

    • Stefano says:

      Grazie per l’aggiunta Pancrazio, e sì hai ben intuito: fregarsene altamente del giudizio degli altri è un’ottima filosofia di vita. 😀

      Mi sono sempre chiesto… Da dove viene il tuo Nickname? 😛

  8. pancrazio says:

    E’ venuto da solo

    penso, perché ho visto una puntata di Atlantide (programma su “La 7” che consiglio a tutti) in cui si parlava delle antiche Olimpiadi. e dove il “pancrazio” era una disciplina sportiva molto cruenta (non c’erano praticamente regole), e che può considerarsi l’antenato della box

    Non equivocare, io sono “non violento” fino al midollo, ma si vede che ha esercitato molto più fascino di quel che vorrei ammettere (ah……l’inconscio)

    ciao a presto 🙂

  9. l’1 e il 5 erano già una filosofia di vita. bell’articolo e ottimo lavoro in generale, complimenti vivissimi

    Davide

    • Stefano says:

      Grazie Davide, e come sempre resta in campana per altri articoli sempre migliori!

      Da quanto segui Mindcheats? Giusto per curiosità. 😉

  10. seguo mindcheat da 3 giorni e ho letto una ventina di articoli. ti ho conosciuto grazie ad un altro sito che parlava di sonno polifasico, mi sono interessato a questo argomento perché un ingegnere/architetto famoso lo praticava (Buckminster Fuller).
    Sto provvedendo a restare in campana, ti ho aggiunto nei feed che seguo e impegno il tempo che passo nei mezzi a leggerti, tu però datti da fare perché quando seguo passo almeno 2 ore e mezzo nei mezzi quindi ne ho di tempo da impegnare 🙂

  11. già letto il manuale ;D
    sto già passando agli articolo vecchi!

  12. susanna says:

    Ciao Stefano, è da un po’ che per caso sono capitata sulla tua pagina, e devo dire che è molto, ma molto interessante tutto quello che scrivi, ho scaricato per ora , manuale riposo perfetto, sinceramente l’ho fatto per una mia amica che soffre d’insonnia, io non faccio in tempo a toccare il cuscino che già dormo (sono molto fortunata), ma non si sa mai se in futuro ne avò bisogno anch’io. Grazie, continuo a leggere 🙂

    • Stefano says:

      Tutti commettiamo degli errori nel sonno, l’insonnia è solo uno degli effetti collaterali! Ti consiglio di leggere comunque il manuale, potresti trovare degli spunti molto utili. 😉

  13. Complimenti. A volte, la nostra mente sa perfettamente quello che deve fare. Il problema è che deve ricordarselo;)

  14. Esercitarsi ogni giorno, è la soluzione per una vita di soddisfazioni.

  15. MattiadaPalermo says:

    Come tutti gli articoli del tuo blog l’ho trovato interessantissimo, ma c’è un problema al punto 5: io non ho idea di quello che voglio fare!!! Forse sarà che ho soli quindici’anni… Consigli?

    • Ma allora hai tutto il tempo per decidere, rilassati e goditi la vita, il momento delle decisioni importanti non è ancora arrivato! Fai quello che ti piace, impara di tutto. 😉

  16. tutto giusto quello che si dice …….. ma quando TU dai 1000 e gli altri -1 …….. arrivi al punto di dire “ma chi cavolo me lo fa fare di pensare prima di parlare, di non prendermela, di non fare una “strage” “??
    il proprio atteggiamente varia parecchio a seconda di quello degli altri. io alla TV non rinuncio, è l’unica compagnia che ho, nono stante abbia 37 anni sia simpatica, socievole, allegra, decente ……… amici?? cosa sono, cose che si mangiano??????? e invece, per contro, c’è chi è un m ed ha quello che mi meriterei io ……… basta lottare, sono STUFA …….. sono indifferente al mondo? e allora ffffffffff …….. (parolaccia) a tutti e sto da sola, in tutti i sensi, tenedo per me i momenti di abbattimento quando mi piacerebbe condividere con qualcuno gioie e dolori e invece pesino il mio gatto si impiccherebbe, se potesse …….. non cpaisco e non ho più voglia di caprie …….. ciaociao

    • Stefano says:

      Ciao Paola, se non hai amici significa che non hai trovato ancora le persone giuste! Se cerchi abbastanza, troverai quelli come te. Sicuro. 😉

Trackbacks

  1. […] il cervello cerca di semplificare al massimo qualsiasi cosa, ed ecco la spiegazione del fenomeno. Un esempio di associazione […]

  2. […] quanto semplificare faccia sempre bene, l’essere umano non può essere ricondotto a una sola attività o passione. Per quanto ti […]

Speak Your Mind

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.