Leggere più velocemente grazie allo skimming

Ci sono diverse ragioni per le quali le persone leggono: può essere per piacere, per trovare un’informazione utile nel testo, perché obbligati dal capo, per farsi un’idea generale di quello di cui parla l’articolo e così via. La gente tuttavia legge testi diversi sempre con lo stesso metodo e alla stessa velocità, ovvero la più lenta che si possa avere. Per quanto una lettura così lenta porti ad una maggiore comprensione del testo, non è per nulla efficace sotto il fattore tempo: molto meglio raddoppiare la velocità di lettura, di modo da poterlo leggere due volte nello stesso lasso di tempo (e quindi capire meglio).

lettura veloce

Spesso non è nemmeno necessario riuscire a capire tutto (ma proprio tutto) del libro o articolo che si ha di fronte: noiosi manuali scolastici e universitari a parte, la maggioranza delle volte sarà sufficiente capire il succo del testo che si ha di fronte. Lasciare perdere tutte le informazioni secondarie, e andare dritti alle informazioni necessarie.

Altre volte addirittura non è necessario nemmeno questo, e l’unica cosa di cui si ha bisogno è leggere le parole chiave (le così dette keyword) per capire se l’articolo che si ha di fronte merita una lettura più approfondita oppure no (naturalmente gli articoli di Mindchats meritano tutti 🙂 ). In questi casi leggere normalmente un testo, dalla prima all’ultima parola, corrisponde ad uno spreco di tempo non indifferente. Quando capire tutto non è una necessita per fortuna arriva in nostro soccorso la tecnica dello skimming, o scrematura in italiano.

Le tecniche

Ma di cosa si tratta? Lo skimming è una tecnica di lettura che ti aiuterà a:

  • leggere più velocemente;
  • decidere se un testo è interessante abbastanza da meritare una lettura più approfondita.

Un esempio pratico nel quale si può utilizzare lo skimming è quello del quotidiano, nel quale si può rivelare utile dare un’occhiata distratta ad ogni articolo prima di addentrarsi in una lettura più approfondita (o passare direttamente al prossimo). Ci sono diversi metodi per utilizzare questa tecnica, ma il più semplice seppur efficace può essere descritto in cinque semplici passi:

  1. Leggi il titolo, sottotitolo e titoletto in grassetto (se presente) dell’articolo. Se è un libro e sei in libreria o biblioteca, leggi il sommario e il titolo dei capitoli;
  2. Scorri il testo alla ricerca di grafici e immagini, leggi le didascalie;
  3. Leggi la prima e l’ultima frase di ogni paragrafo;
  4. Non leggere ogni parola di ogni frase, lascia che il tuo occhio “scremi” il testo alla ricerca delle parole chiave;
  5. Continua a pensare al significato del testo, e usa il tuo cervello per riempire i vuoti.

Ci sono anche altri metodi per sfruttare lo skimming e la lettura veloce in genere, ma non li tratterò in questo articolo: non perché voglio tenerti con il fiato sospeso o perché non ho voglia, ma perché si tratta di tecniche più complicate che richiedono un esercizio costante. Su questo sito cerco sempre di spiegare tecniche efficaci e semplici da applicare senza settimane di noiosa teoria, ma per chi volesse approfondire l’argomento consiglio questo libro di Zielke Wolfgang.

L’utilità dello skimming

leggere

Io ho scoperto da non molto la lettura veloce con lo skimming, e mi sto trovando abbastanza bene. Di certo non soppianta la lettura normale e non ho intenzione di usarlo nei testi che leggo per piacere, ma quando devo trarre quelle due informazioni fondamentali in tre pagine di libro o articolo di giornale torna estremamente utile.

La tecnica è anche utile in fase di studio, ed è sicuramente già applicata da molti studenti, quando ci si trova a dover ripassare un testo. Lo si è già studiato (e quindi letto più volte), ma per evitare di dimenticare qualche informazione importante (che immancabilmente verrà chiesta all’esame) si “skimma” velocemente da un paragrafo all’altro per essere sicuri di non aver scordato nulla. In questo caso si può utilizzare anche un’altra tecnica, più lenta ma più adatta ai libri scolastici e universitari (che si sa, sono densi di informazioni): leggere velocemente una riga alla volta, e lasciare che l’occhio cada automaticamente sulle parole più importanti.

La pratica, come sempre, rende perfetti. Quindi non temere se le prime volte incontri qualche difficoltà e la velocità non è ottimale, nel giro di pochissimo tempo inizierai a padroneggiare lo skimming come si deve. Purtroppo in italiano non ci sono risorse per esercitarsi online, ma se capisci bene l’inglese puoi esercitarti nella lingua di Shakespeare a questo indirizzo.

Ti è piaciuto l’articolo? Allora ti piacerà anche:

Comments

  1. Ciao Stefano, ottimo articolo sullo skimming, molto esauriente. Sono d’accordo con te quando dici che lo skimming può essere utilizzato per i ripassi, penso funzioni molto bene quando già si conosce il contenuto del testo da skimmare, molto meno quando non lo si conosce.
    A presto.

    • Mindcheats says:

      Ciao Erevircs (strano nick!), se non conosco il testo utilizzo a volte lo skimming per capire di cosa parla in maniera molto generale e veloce, per vedere se vale la pena di una lettura più approfondita. Di certo è da scartare se voglio apprendere delle informazioni, questo sì, e allora vado sulla “classica” (si fa per dire) lettura veloce. 🙂

      • Sono perfettamente d’accordo con te, Stefano, oltre che per i ripassi è un ottimo metodo per supervisionare del materiale, poi, ovviamente, se ne vale la pena si passa alla classica lettura veloce o, se necessario, alla lettura concentrata. 🙂

        Ti do un +1 a Google Plus per l’ottimo articolo.

        A presto!

        Carmine Colella

        PS: Il nick sta per “scrivere” (che è la mia passione) scritto al contrario. 🙂

        • Mindcheats says:

          Così inizio ad espandermi anche nel social network di Google! 😛

          Carina la scelta di invertire “scrivere” e metterlo come nick, mi piace! 😉

  2. francesco says:

    è curioso scoprire che ho sempre adottato questo metodo inconsapevolmente xD

    • Stefano says:

      Infatti le tecniche di PNL derivano per buona parte da delle pratiche già applicate da alcune persone e testate in ambienti isolati per verificarne l’efficacia. 😉

Trackbacks

  1. […] dei primati. Per il momento puoi ancora dimezzare il tempo in cui leggi qualsiasi cosa usando la tecnica del frettoloso (mio nome di […]

Speak Your Mind

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.