Come simulare un’esperienza extracorporea in 5 passi

Io non sono un grande fan del paranormale. Sono un becero materialista e positivista che non crede in karma, anima immortale eccetera eccetera, quindi cosa ci faccio qui a parlare della mente che esce dal corpo, di un’esperienza extracorporea?

In realtà no, non si tratta di una vera OBE (Out of Body Experience), ma di una sua simulazione. Si sfrutta una particolare tecnica di induzione del sogno lucido per dare l’impressione, suggestiva, di staccarsi dal proprio corpo materiale e volteggiare come un fantasma.

Simulazione o no, sta di fatto che resta un’esperienza magica. Non porterà significati particolari, ma è dannatamente divertente!

E visto che abbiamo tutti bisogno di un po’ di relax nella vita, ecco come iniziare a simulare un’esperienza extracorporea già da stanotte. In 6 semplici passi.

1 – Crea le condizioni adatte

Il momento migliore della giornata per sperimentare una OBE è a notte fonda. Durante il giorno fai un po’ di esercizio fisico (che fa bene anche alla salute), questo renderà più semplice e veloce il “passaggio”. Secondo, evita di mangiare troppo soprattutto nelle quattro ore che precedono l’ora prestabilita per iniziare l’esperimento.

2 – Andare a dormire

Okay, siamo pronti a iniziare.

Inizia assicurandoti di essere isolato da qualsiasi rumore ambientale: vietate sveglie che ticchettano, cani che abbiano, computer accesi in stanza; anche avere di fianco a sé un’altra persona può essere fonte di distrazione. Single, è il vostro giorno fortunato! 😛

Per lo stesso motivo è meglio sprofondare nel buio più totale: se hai una sveglia digitale girala o coprila, e fai la stessa cosa per le altre fonti luminose anche piccole (ad esempio i LED della televisione). Evita in particolar modo le luci blu o verdi, che secondo recenti studi distraggono maggiormente.

Qui valgono le stesse regole da applicare per addormentarsi velocemente.

Stenditi sul letto in una posizione comoda, possibilmente supino (o “a pancia in su”) con braccia distese lungo il corpo, e fai dei respiri profondi. Per aumentare le possibilità di riuscita, prova così: vai a dormire normalmente, ma punta la sveglia verso le 4 o le 5 di mattina. Una volta sveglio tieniti occupato per una ventina di minuti, poi tornate a letto e seguite le istruzioni qui di seguito.

Perfetto, stiamo per iniziare. Adesso arriva la parte veramente succosa!

3 – Aspetta che sopraggiunga il sonno

Resta immobile. Qualsiasi muscono del tuo corpo, fino al più piccolo e inutile, deve restare fermo e rilassato il più possibile; se vuoi “uscire” dal corpo devi evitare qualsiasi stimolo interno o esterno.

Se hai seguito il consiglio del punto 1 adesso non ci vorrà molto prima di sentire il torpore assalirti. Prima che ti addormenti devi concentrarti ed evitare che questo accada. Fai il possibile per restare sveglio, restando però completamente immobile e rilassato con i muscoli. Una parola, mi dirai. Tranquillo, non è poi così difficile una volta che ci fai l’abitudine.

Concentrati su questo pensiero: “adesso voglio avere un’esperienza extracorporea” e continua a ripetertelo nella testa. Se inizi a penare a qualcos’altro, torna il prima possibile sulla retta via. Concentrarsi su questo aspetto renderà inoltre più difficile addormentarsi, visto che la mente sarà ancora in piena attività conscia (e quindi concentrata).

4 – Qualche piccola precauzione

Come avrai intuito, quello che stai per provare è parecchio lontano a ciò che la gente sperimenta di solito.

Questo significa che stai andando verso l’ignoto, e ci saranno alcune cose che potrebbero spaventarti. Ma visto che non sono un terrorista del sonno, non c’è niente che possa provocare danni. Insomma, l’ho fatto anch’io più volte, non sono così masochista da volermi farmi del male.

La maggior parte delle persone sperimentano appena prima dell’esperienza una paralisi corporea totale: non riuscirai più a muovere nessun muscolo e sarai completamente paralizzato. Non ti preoccupate: questa è una difesa del corpo che si “spegne” durante il sonno per evitare di ferirsi con movimenti involontari. Succede ogni notte, solo che di solito stai dormendo quando avviene.

Molto bene, significa che ci sei vicino, la tua mente pensa di stare già dormendo e di aver “staccato” la parte conscia. Preparati adesso ad una serie di allucinazioni: possono essere visive (di solito delle semplici macchie colorate), ma potresti anche sentire dei suoni o provare sensazioni di levitazione o, al contrario, di sprofondare nel materasso.

Possono essere sgradevoli a volte, io le ho trovate interessanti. Durano di solito qualche decina di secondi, nulla di insopportabile.

5 – Inizia la tua esperienza extracorporea

Adesso sarai  ad alzarti dal letto (o levitare via da esso, se ti va) e a iniziare la tua esperienza extracorporea.

Ti sentirai totalmente totalmente libero sarai in grado di controllare i tuoi movimenti. Complimenti, sei appena uscito dal corpo! Cosa fare adesso? Boh, decidi tu. Puoi stare fermo, puoi muoverti per la casa, puoi fare una passeggiata. Con un po’ di concentrazione, puoi anche cambiare ambientazione e trovarti in spiaggia in costume.

Magari sei sfortunato, potresti svegliarti e pensare che il tentativo sia fallito. Non è detto: capita infatti molto spesso il “falso risveglio”, ovvero sognare di svegliarsi, ma quando si è ancora addormentati! Che casino la nostra mente.

Per testare se quella in cui sei è la realtà o ancora un sogno, conta le tue dita: se sono cinque per mano sei sveglio, se sono in numero diverso (o variabile che cambia ogni qualche secondo) sei logicamente in un sogno lucido.

Cosa fare se proprio non ci riesci

Se continui a provare ma non ottieni nessun risultato, c’è un’unica soluzione possibile: stai dormendo male. Un buon riposo è un prerequisito necessario per l’esperienza extracorporea, perché devi arrivare esattamente a quel punto dove ti addormenti subito dopo aver ingannato il corpo.

Se ti addormenti prima, dormirai normalmente.

Vuoi dormire bene? Per scoprire subito quali sono le migliori azioni che puoi fare per dormire bene ogni notte, scarica gratuitamente il mio manuale del riposo perfetto: inserisci nel box qui sotto il tuo nome e indirizzo email, potrai leggere il report gratuito fra un minuto. Scoprirai:

  • Quali sono gli errori più comuni che ti fanno dormire male.
  • Come svegliarsi al 100% senza trascinarsi dietro il sonno.
  • Come dormire di meno ed essere più riposato.
  • Come addormentarsi velocemente.
  • Gli strumenti gratuiti che puoi usare per migliorare il tuo sonno da oggi.

Inserisci il tuo nome, indirizzo email e fai click su “Scaricalo ora” nel box qui sotto per ottenere subito il tuo report: niente spam, niente pagamenti nascosti, niente trucchetti. Garantisco io. 😉

Comments

  1. mi hai aperto un mondo.devo ancora sperimentare,ma dopo aver letto alcuni dei tuoi scritti devo ammettere di essere rimasto in estasi . la mia mente è ciò che più attira la mia attenzione,quindi i ringraziamenti li tengo per il dopo aver testato ciò che hai proposto nel blog,ma un anticipo te lo lascio 🙂

  2. darkakroma says:

    Trovo difficile il punto nel quale bisogna evitare di addormentarsi..

    a me era già capitato di essere conscio e non riuscire a muovere nessun muscolo del mio corpo e di sentirmi pesante sul letto, ma ancora non penso di aver provato una vera OBE, proprio per la difficolta di trovare quel punto prima di cadere in sonno.. hai qualche consiglio?

  3. Mindcheats says:

    @darkakroma

    Se sei già arrivato più volte a quel punto ma dopo ti sei fermato, possono esserci tre spiegazioni: hai sbagliato qualcosa nella fase finale, non ti sei accorto di essere in una OBE, ti sei dimenticato. Ma andiamo con ordine. Il tutto tenuto conto che ognuno è diverso: io il terzo giorno sono riuscito ad avere già una OBE di qualche secondo, mentre alcuni meno predisposti potrebbero doversi esercitare per settimane.

    1) Capita spesso che ci si ecciti e l'adrenalina non permetta di addormentarsi; se questo è il caso solo l'esperienza continua può aiutare. Potresti anche dover modificare qualcosa nel tuo metodo, ad esempio la respirazione o il tempo di attesa prima di dichiarare un fallimento: qui non ti posso aiutare, posso solo dirti di continuare a sperimentare nuovi metodi finché non trovi quello adatto a te.

    2) Ricorda che un presunto fallimento non è tale finché non lo confermi, molto spesso l'OBE inizia con un "risveglio" che può far pensare ad un buco nell'acqua. Non cadere nella trappola e fai prima di tutto un paio di test: primo, cerca di trapassare con l'indice di una mano l'altra tua mano; secondo, cerca di trattenere il respiro. Se il risultato non è quello atteso (ovvero impenetrabilità della mano e capacità di trattenere il fiato per qualche secondo), allora inizia il divertimento!

    3) La memoria funziona in modo molto anomalo in questi casi, e può darsi che tu ti dimentichi quello che succede nella OBE. In questo caso c'è un esercizio: tieni carta e penna a portata di mano vicino al letto, e ogni volta che sogni qualcosa annota subito tutto quello che ricordi. Fallo subito, già se ti alzi e vai alla scrivania perdi un buon 50% di tutti i ricordi.

    Oltre a questo esiste solo l'esercizio continuo e la sperimentazione: lo studio della OBE è in una fase embrionale, quindi non esistono dei veri e propri manuali a disposizione. Ognuno deve trovare la sua strada.

  4. prima di tutto mi volevo complimentare per il blog.
    secondo poi volevo cortesemente porti una domanda riguardo alla posizione in cui addormentarsi: è meglio addormentarsi in posizione supina o è meglio trovare una posizione in cui riuscire ad addormentarsi facilmente? perchè personalmente mi è praticamente impossibile addormentarmi in posizione supina.
    grazie in anticipo della risposta.

  5. Mindcheats says:

    @sno -> è proprio questo il punto: per la maggior parte delle persone è difficile addormentarsi da supini, e questo dà più tempo per ingannare il cervello. Se ci si addormenta troppo in fretta si rischia di fallire l'esperimento perché non si rimane immobili abbastanza tempo. Inoltre, solitamente è più facile rimanere perfettamente fermi da supini (si stressa meno la colonna vertebrale e le braccia).

    Ciò detto, ribadisco ancora una volta che siamo tutti diversi e quelli che scrivo sono i metodi che vanno bene per il 90% delle persone, mentre il restante 10% dovrà sperimentare personalmente cosa è meglio per loro (ma solo dopo aver inutilmente tentato il metodo comune, ovviamente). 😉

  6. Ieri provando sono arrivato alla fase delle macchie colorate ma poi mi sono svegliato di colpo, no so il motivo… poi mi sono addormentato normalmente senza volerlo.
    Comunque anche le macchie erano stupende, e mi sentivo sprofondare nel materasso 🙂

    • Mindcheats says:

      Allora non ti resta che la pratica, entro qualche giorno molto probabilmente ci riuscirai. 🙂

      • Vorrei precisare che i fisici quantistici e i ricercatori e 100 casi di premorte possono essere affidabili in quanto le persone che hanno assistito al fatto si trovavano 9 metri dal proprio corpo e riuscivano a sentire le parole proferite dai medici che poi sono state riferite a loro.I fisici dicono che ci sia un rapporto tra mente e materia e ribadiscono il concetto di anima,quello che vediamo non è che una minima parte di ciò che percepiamo.Inoltre se l’obe non esiste allora gli atomi non esistono,la materia rispetta le leggi della fisica quando poi non è così,basti pensare al concetto di onda-particella.Detto questo io sono un appassionato di paranormale e sono convinto di quello che sento e che credo,ringrazio te per aver creato questo magnifico blog,sei una persona speciale grazie.
        Con affetto

      • Ciao mi chiamo Charles sono africano del Congo Brazzaville, già da piccolo ero capace di uscire da corpo e. Vedere ogni singolo cosa in casa mia, ora abito in Italia e lo faccio ancora cmq sono arrivato in un livello superiore nel senso vedere l’orario di sveglia e quando mi sveglio e de proprio quello che ho visto quando ero nel EBO, la cosa brutta che se esco da casa mia mentre sono nel EBO vedo certe cose spaventosi e non riesco a correre ? veloce, invece se mi mento a 4 zampe ? sono molto veloce questo è era capitato quando ero andato a vedere. Mio nonno ? a cimitero in Africa ? tutto questo mi avviene mentre sono nel EBO, tra l’altro ho un cane ? che riesce a vedermi mètre sono nel EBO e abbaia questa cosa è straordinario perché mia moglie italiana si veglia e io la vede ma lei non mi vede!! Poi l’ultimo cosa che ho provato dormire nudo con i piedi incrociati la cosa + e tenevo per mano la mia moglie per provare una nuova cosa è davvero brutto che vi sconsiglio perché entri in un livello molto difficile per rientrare nel proprio corpo, praticamente ho visto i nonni della mia moglie il giorno dopo lo detto come erano e lei era a bocca ? aperta non ci credeva cmq ho tanto così strane che mi capita vorrei poter parlarne in privato grazie mille per l’attenzione!!!

  7. Caroline Pereira says:

    Io non sono ancora riuscita ad avere una vera e propria OBE..e volevo porre una domanda: gli occhi vanno tenuti chiusi, giusto? Io li tengo chiusi, ma non sono ancora riuscita ad avere una OBE.
    Grazie, ciao 🙂

    • Mindcheats says:

      Sì, gli occhi vanno tenuti chiusi. Se non riesci, prova a puntare la sveglia a notte fonda (verso le 4 di notte), alzati per un quarto d’ora e riprovaci. 😉

      • Ciao mi chiamo Charles sono africano del Congo Brazzaville, già da piccolo ero capace di uscire da corpo e. Vedere ogni singolo cosa in casa mia, ora abito in Italia e lo faccio ancora cmq sono arrivato in un livello superiore nel senso vedere l’orario di sveglia e quando mi sveglio e de proprio quello che ho visto quando ero nel EBO, la cosa brutta che se esco da casa mia mentre sono nel EBO vedo certe cose spaventosi e non riesco a correre ? veloce, invece se mi mento a 4 zampe ? sono molto veloce questo è era capitato quando ero andato a vedere. Mio nonno ? a cimitero in Africa ? tutto questo mi avviene mentre sono nel EBO, tra l’altro ho un cane ? che riesce a vedermi mètre sono nel EBO e abbaia questa cosa è straordinario perché mia moglie italiana si veglia e io la vede ma lei non mi vede!! Poi l’ultimo cosa che ho provato dormire nudo con i piedi incrociati la cosa + e tenevo per mano la mia moglie per provare una nuova cosa è davvero brutto che vi sconsiglio perché entri in un livello molto difficile per rientrare nel proprio corpo, praticamente ho visto i nonni della mia moglie il giorno dopo lo detto come erano e lei era a bocca ? aperta non ci credeva cmq ho tanto così strane che mi capita vorrei poter parlarne in privato grazie mille per l’attenzione!!!

  8. Forsaken says:

    Perché dici “simulare” e non “fare” ?

    • Stefano says:

      Perché nella definizione classica di esperienza extracorporea, c’è l’anima che esce dal corpo o altre spiegazioni metafisiche. Questo, invece, non è che un sogno lucido con le fattezze di una OBE. 😉

  9. Ma ha conseguenze sulla psicologia dell’individuo?

  10. E poi in che senso si esce fuori dal corpo? Si riesce a vedere il proprio corpo dall’esterno?

    • Stefano says:

      Anzitutto ci tengo a sottolineare che non si tratta di un’esperienza extracorporea, ma di una simulazione. La tua anima non esce dal corpo. Sei in un sogno lucido che ti dà questa sensazione, niente di trascendentale. 😉

      • Ma quindi non È in proprio un obe?

        • Stefano says:

          No, è solo una simulazione suggestiva tramite il sogno lucido. Io non credo nel concetto di anima, quindi non credo nemmeno nelle OBE dove corpo e anima si separano. 😉

          • jennaro says:

            non credo, non credo, non credo… Non si tratta di credere oppure no, ma di sperimentare, ricercare. Non ci si deve basare su ciò che riteniamo compatibile con i nostri schemi di pensiero, ma su quello che c’è realmente “la fuori”… La vera conoscenza può venire solo dall’esperienza di ciò che si vuole conoscere, e non da un percorso mentale che cerchiamo di far quadrare solo per poter essere coerenti con le nostre precedenti idee.. buon viaggio! 🙂

          • Stefano says:

            Ciao Jennaro, non ho ben capito cosa intendi dire. Puoi rispiegare per favore? 🙂

  11. Edoardo Santi says:

    Ce so riuscitoooooooo xD dajeee ho fatto come hai detto tu: ho fatto la prova delle dita in macchina xD sono sceso e ho incominciato a girare ahah so risalito e più avanti c’era la mia ragazza ed é venuta a vivere da noi ahahahh peccato peró pensavo di fare tutto io ma nn ci sono riuscito perché … È venita a vivere da noi peró io volevo qualcosaltro… E sai che intendo xD comunque grazie perchè grazie abte ce ao riuscito 🙂 speriamo succeda anche oggi

  12. Edoardo Santi says:

    Brao gnaro ??? XD bravo …….. ?

  13. Edoardo Santi says:

    É grazie a te che ce so riuscito

  14. Anonimo says:

    ciao, l’ artcolo è molto interessante ma non riesco a trovare notizie su internet di questo proiettore di sogno giapponese da nessun altra parte..

  15. Con questa esperienza Thomas Metzinger in “Il tunnel dell’io” teorizza che l’IO sia un’illusione, una nostra costruzione mentale, così come lo è il mondo che ci circonda. Una semplice rappresentazione.

  16. Fabrizio says:

    Avevo letto già questo articolo.. e mi sembra strano non aver lasciato un commento 😛
    Comunque ne approfitto per parlare di un’esperienza curiosa che ho vissuto:
    Non ho fatto in modo da avere una OBE, anche se spesso ci penso, però mi è successo di addormentarmi e, dopo un po’ di minuti, mi “sveglio” e provo a muovere un braccio toccandomi la faccia… ecco sentivo toccarmi la faccia coprendomi con la mano l’occhio destro.. ma guardavo attraverso come se la mano non ci fosse.. allora ho pensato che in realtà mi si fosse addormentato il braccio e che non ne avevo più la sensibilità e magari era anche sotto al cuscino.. E invece no.. il braccio era poggiato su di me (dormivo di lato poggiato sul finaco sinistro) normalmente O.o
    Era interessante perchè quando guardavo attraverso la mano ho pensato all’OBE.. allora provavo ad “uscire dal corpo”.. ma non ci riuscivo perchè mi sentivo forzato lì.. quindi ho pensato al braccio e alla paura di prendere una storta o di… romperlo(?) dato che non me lo sentivo più.. e allora ho lasciato perdere credendo di essere sveglio.. e poco dopo mi accorsi che non lo ero.. peccato! Mi sono arreso per niente! xD
    Comunque proverò ancora anche se mi è successo di fare sogni lucidi o “viaggi astrali”.
    Li distinguo perche i viaggi astrali non avevano molto senso.. vagavo nell’ambiente circostante il mio corpo sentendomi un po’ disorientato.. non sapevo che fare e l’ambiente era strano.. spesso uguale a quello “reale” ma con cose inspiegabilmente strane.. e a volte anche “entità” (esserini antropomorfi simili a bambini o piccoli alieni o “fantasmini” xD) con atteggiamenti poco sensati o comunque con sensi che non riuscivo a cogliere subito.. mentre nei sogni lucidi so benissimo che sono un sogni e tutto ciò che mi circonda lo conosco benissimo e non mi sento disorientato.
    Per esempio oramai ho imparato a volare nei sogni. Anche se non ho la lucidità massima so che posso volare quasi in ogni sogno. A volte faccio fatica.. come se dovessi usare energia fisica per spostarmi in aria.. ma nonostante questo posso farlo sempre.. in qualsiasi contesto. ^_^

    • Stefano says:

      Ok Fabrizio, ti ho inquadrato come “quello che scrive commenti lunghi”. 😀

      Ognuno interpreta sogni lucidi, esperienze extracorporee e viaggi astrali come preferisce, per me sono la stessa cosa. Non credo in un’anima o nella possibilità che la mente e il corpo si stacchino, e le vedo come suggestioni dell’inconscio. Poi oh, la mia è un’opinione come un’altra chiariamoci!

      Ed è per questo che ho detto “simulare” un’esperienza estracorporea, visto che in sostanza si tratta di un sogno lucido.

      Tu che tecnica usi per il sogno lucido?

      • Fabrizio says:

        Ahahahah… Immaginavo che l’avresti pensato xD (intendo per i commenti 😛 )
        Purtroppo mi piace scrivere specialmente su argomenti particolari e che mi interessano.. e “a volte” (spesso :P) mi dilungo 😀
        Beh io non ho un’idea fissa perchè credo che molte cose possano essere inconcepibili per la mente umana a livello razionale quindi non mi faccio un problema sul fatto se esistano certe cose o no… semplicemente le vivo come meglio mi piace 😀 Comunque era giusto una cosa curiosa che mi ha interessato parecchio (tipo che quando mi sono alzato ho pensato “che figata!” xD)
        Che tecnica uso per il sogno lucido? Nessuna xD
        O meglio.. nella maggior parte dei mi succede e basta… sento che è un sogno e faccio tutto ciò che mi pare..
        Per quanto riguarda il volo.. non è una lucidità totale… Mi spiego..
        Io non so di essere in un sogno… ma so soltanto che posso volare.
        E’ un po’ come se entri in acqua e sai di galleggiare o come se sei su un materasso e sai che ti ci puoi buttare… E’ come se fossi consapevole di riuscire a fare cose speciali.. Differente dall’essere consapevole di vivere in un sogno.. So solo che lo posso fare.. punto. Senza farmi problemi 🙂 Comunque buone tecniche per prendere consapevolezza in un sogno, anche se molte volte mi è capitato il famigerato fenomeno del “falso risveglio”, è provare a spegnere le luci in una stanza illuminata… oppure guardare il logo di una macchina.. per esempio se vediamo quella che noi crediamo sia una Mercedes e proviamo a guardare il logo… vedremo qualcosa di strano (o almeno a me è capitato questo) invece del tipico stemma. Oppure l’orario… o, come dicevi tu, contare le dita o guardarsi i palmi delle mani.. Non vorrei sbagliarmi ma anche vedere se stiamo respirando passandosi la mano davanti al naso potrebbe essere utile.. Però per farlo bisognerebbe fare queste cose anche da svegli in modo che la mente si abitui a queste gestualità..
        E come al solito mi sono dilungato troppo!! (D’oh!)
        Basta così 😀

        • Stefano says:

          Ma ci mancherebbe Fabrizio, articoli lunghi richiedono commenti lunghi. 😀

          Pare che tu sia uno dei pochi fortunati sognatori lucidi naturali, che non hanno bisogno di tecniche per accorgersi di stare sognando. A questo punto, al massimo, puoi solo usare qualche tecnica per ricordarti meglio i sogni!

      • La prima volta nell’89 questa esperienza mi sconvolse,poi mi ci abituai e riuscivo a farlo a comando; dopo diversi anni non riuscivo piu’ a rientrare,un giorno mi sono svegliato diversi km da casa su un albero, non sapevo piu’ quale era la realta: io a casa sul letto a dormire o io sull’albero a km di distanza. Scendo dall’albero e incontro una persona ci parlo mi faccio accompagnare a casa apro la porta della mia camera sul letto non cera nessuno…….non posso continuare con il racconto perche’ non ci credereste non ci ho creduto neanche io

        • Perché non continui?! So che quel post è vecchio, e le possibilità che hai di leggerlo sono quasi nulle… Ma comunque, a me avrebbe interessato!

  17. Federica says:

    Ok, questo articolo è vecchio, ma non importa, un commento lo lascio comunque, finalmente trovo qualcuno che ha provato un obe ma ha ben chiaro che non è possibile uscire dal corpo! Ah, non sono sola! Perchè non apprezzare le magnifiche illusioni che il nostro cervello ci offre per quello che sono? Ho smesso di frequentare comunity sui sogni lucidi e obe perchè lì sono tutti esaltati.
    In non credo nemmeno in dio, pensa se posso credere che la mia anima si stacca dal corpo ma rimane collegata ad esso tramite un “cordone di argento” e può viaggiare attraverso sette “corpi astrali”, lol
    Grazie per avermi dato un po’ di speranza

    • Stefano says:

      Il tuo commento è musica per le mie orecchie, Federica. 😛

      Ribadisco la mia opinione anche in un video su Youtube che pubblicherò mercoledì sul nuovo canale di Mindcheats, iscriviti per non perdertelo! 😉 http://www.youtube.com/user/Mindcheats

    • Fabrizio says:

      Ciao. La penso come te tranne per l’esistenza di dio e dell’anima (ho una idea un po’ particolare a riguardo ma mi fermo qui perchè potremmo dilungarci esageratamentissimissimamente troppissimo ;P ;P ). Noi percepiamo delle cose… non vedo perchè non poter vivere le esperienze senza dare un motivo al perchè avvengono certe cose… nel senso.. secondo me non c’è bisogno di specificare che “usciamo” dal corpo o che la nostra “anima” si distacca.. semplicemente viviamo un’esperienza.. inutile spiegare cosa succede veramente… anche perchè, secondo me, non possiamo 🙂 Non giudico esaltato chi frequenta questi forum.. Credo semplicemente che esprimono dei concetti per alcune cose in modo tale da non dover prendere tutto alla lettera… altrimenti davvero staremmo a guardare se “il cordone d’argento” si spezza… o magari cercarlo ecc.. Una mente che crede in queste cose lo vede.. una che non ci crede non lo vede.. proprio perchè, secondo me, una lo “crea” l’altra no 🙂 Molti di questi termini io li vedo come se venissero usate come metafore quindi vedo il senso più profondo di ogni cosa.. Tipo che si possono fare queste esperienze fighissime e soddisfacenti 😀
      A volte capita che se in un sogno volo.. magari non mi voglio nemmeno svegliare xD Anzi.. se per caso mi sveglio per un rumore fortunatamente riesco subito a riaddormentarmi e a riprendere il sogno da “dove l’ho lasciato”.. ma devo riaddormentarmi entro un minuto massimo e stare più o meno nella stessa posizione xD
      Perciò sono d’accordo con te.. meglio vivere le esperienze che il nostro corpo, o cervello che sia, ci fa vivere così come ce le fa vivere godendocele al massimo.. 🙂

      • inside says:

        ciao, seguo il tuo sito da pochissimo pero ho visto che é stupendo…complimenti 🙂
        a proposito di questo articolo e del sogno lucido volevo descriverti quello che mi succede:
        io non ho MAI avuto un sogno lucido; di solito quando capisco di essere in un sogno, dopo pochi secondi mi sveglio 🙁 ho gia provato da un po di giorni a fare quelle ‘prove’ come contare le dita, ma ancora niente… secondo te posso riuscirci?
        grazie

        • inside says:

          p.s. a contare le dita ci riesco 🙂 ti stavo chiedendo se potrei riuscire ad avere un sogno lucido normalmente o con questa tecnica…
          grazie ancora 😀

        • Stefano says:

          Sei già a buon punto Inside, ora ti basta non svegliarti. È semplice: quando ti accorgi di essere in un sogno, inizia a ruotare su te stesso velocemente per qualche secondo. Funziona! 🙂

          • Buona sera , io ho fatto parecchie volte l’esperienza ma non era cercata, ne ho avute parecchie da bambina all inizio mi spaventa ma poi era diventato un gioco strano e divertente , ne ho avuta una intensa verso i 25 anni che mi ha terrorizzato per la visione molto viva della cosa . Non mi è più capitato e non so se la vorrei ripetere.

      • Stefano says:

        E per fortuna che nella seconda riga hai detto “mi fermo qui”. 😀

        Per quanto è ovvio che ogni opinione va rispettata in quanto tale, è bello vedere qualcuno che condivide la tua visione del mondo!

        • Fabrizio says:

          Eh sì lo so… ma per “mi fermo qui” intendevo il discorso su dio e anima… pensa se avessi parlato anche di quello 😛
          Comunque devo provare a ruotare su me stesso… a volte mi è successo di fare dei falsi risvegli quando mi accorgevo di essere in un sogno… Dici che funziona anche con i falsi risvegli?
          (Oddio… ho finito di scrivere! 😛 )

          • Stefano says:

            Non lo so per certo, ma andando per deduzione direi di sì. Il falso risveglio avviene quando la mente pensa di essersi svegliata, se ruoti su te stesso sai che questo non può succedere. 🙂

  18. Edoardo Santi says:

    Mo ce provo pure qua sono troppi fichi i tuoi articoli ahah peró non fa tanta paura come dici tu no?

    • Stefano says:

      È questione di abitudine. Se sei una persona che si impressione facilmente sì, io non ho avuto problemi di alcun tipo.

  19. Dopo ben 2 settimane di prove sono riuscita a fare una mezza specie di sogno lucido, solo che ho avuto un problemino: ero consapevolissima di essere in un sogno, e felicissima di essere finalmente riuscita a far funzionare il tuo metodo su di me, solo che non riuscivo ad uscire dalla mia stanza, ero bloccata dentro :/ Non so, forse ho sbagliato qualcosa, o forse mi sono semplicemente eccitata troppo per esserci riuscita e ho perso la concentrazione xD Che sfiga! Ci riproverò sicuramente, e speriamo che la prossima volta vada meglio. hahah

  20. Ciao, è qualche giorno che seguo il tuo sito e ti devo fare i complimenti, davvero ottimo. Tuttavia questo articolo mi ha colpito particolarmente e quindi ho voluto commentare. Ho 15 anni e ci metto ben piu di un’ora ad addormentarmi, ma l’ho sempre considerato normale… Quindi prima di provare questi sogni lucidi devo comunque risolvere questo mio “problema” col sonno. (pensa che per i primi anni della mia vita facevo, incosapevolmente, un sonno polifasico di 20 minuti o mezz’ora ogni tot… Infatti i miei erano disperati ahahah)

    Comunque ho una domanda:
    Si tratta di sogni “alla inception”???

    Ovvero, se io sono nel mio sogno lucido, posso modificarlo a piacere? Posso far apparire quello che mi pare? Posso modificare gli ambienti circostanti a mio personale piacimento? Posso volare o fare cose simili, “consapevolmente”?
    Insomma, quando una persona fa un sogno lucido… Ha il totale controllo di esso?

    Grazie e ancora complimenti per il sito!

  21. Ciao! per prima cosa complimenti per il sito, begli argomenti spiegati nel giusto modo 🙂
    È solo da ieri sera che ho scoperto questo nuovo affascinante mondo, e ho voluto subito sperimentare qualcosa. La scorsa notte ho puntato la sveglia alle 4 e mezza e ho seguito ciò che hai scritto. Sono riuscito ad arrivare fino alla sensazione di torpore ed è apparsa una fioca luce bianca pulsante che emetteva rumore. È stata un’emozione grande, troppo grande. Ho sorriso e tutto è svanito, ma per essere la prima volta sono soddisfatto.

    Ti scrivo perchè ho delle domande da porti. È tanto importante stare svegli per una 20ina di minuti? io se mi alzo dal letto e inizio a fare qualcosa (anche solo camminare) poi faccio fatica ad addormentarmi. Infatti io ho semplicemente scritto quello che mi ricordavo del sogno appena finito, spento la luce, trovato la posizione più adatta e infine mi sono rilassato.

    p.s. non so se la citi da qualche parte nel tuo sito ma questa [1] sembra essere una buona bibbia sull’argomento, sono sicuro che ne eri già a conoscenza ma magari altri utenti no 🙂

    [1] http://www.humantrainer.com/articoli/tecniche-induzione-sogno-lucido.pdf

    • Stefano says:

      Puoi provare a stare sveglio meno tempo, fai degli esperimenti e vedi come ti trovi. 20 minuti sono un’indicazione generale.

  22. a me spesso capita senza volerlo di fare un sogno in cui sono paralizzato da una persona che mi conduce a sfidarlo,io lo interpreto come sfida tra me e il mio subconscio, ho letto molti articolo e so cosa accade durante quella fase.
    come dici nel articolo mi succedono tanti falsi risvegli in cui io cerco di risvegliarmi nella realta ma senza riuscirci ,leggendo articolo su come controllare i sogni ,ad esempio guardare le mani ecc.. sono riuscito a capire che sto sognando,ho cercato di fare un po ciò che volevo per esempio uscire di casa,saltare,scrivere su un muro con la mente e c’è lo fatta,ma il mio problema e che quando voglio svegliarmi nella realta non c’è l’ha faccio , quindi vorrei chiederti cosa può significare oppure un modo per poter controllare il sogno al 100%, perchè io non riesco a controllarlo cosi bene :D.

    • Stefano says:

      Ma meno male che non riesci a svegliarti nella realtà, significa che stai dormendo bene! Non vedo perché cercare di fare qualcosa di negativo per il tuo benessere. 🙂

      • Anonimo says:

        ciao,anke se il post e vekkiotto volevo porti la mia domanda:
        ieri sera ho provato le tue tecniche e diciamo che arrivato al punto delle allucinazioni io ero consapevole di stare sveglio,cioe cominciai a sentirmi un po mosso da destra e sinistra e vedere(con gli occhi chiusi) tipo macchie piccole ma dopo nn e successo nnt ed ero sveglio ke mi consigli?? grz

  23. francesco says:

    prima di tutto complimenti per il forum ,io sono il ragazzo che ha fatto l ultima domanda cmq provero piu volte queste teknike cmq volevo sapere se durante il giorno devo fare degli esercizi mentali ecc cmq ti faccio sapere come va l esperienza e sopratutto se ci riesco ok

    • Stefano says:

      Se usi questa tecnica no, il punto a suo favore è proprio che non devi fare nessun esercizio durante il giorno.

  24. Costantino says:

    Mi piacerebbe molto riuscire a simulare un esperienza extra corporea, ma ogni volta che comincio con il punto 3 non riesco a concentrarmi; mi vengono in mente le mie canzoni preferite e non riesco a concentrarmi. Come faccio per rimanere concentrato e non disperdermi tra i 1000 pensieri?

    • Stefano says:

      La mente vaga quando non ha niente a cui pensare: non puoi concentrarti sul non pensare a niente. Ripetiti un mantra (breve frase) continuamente, se ti annoi “canta” quella frase, basta che non ti muovi.

      • Costantino says:

        Dopo quasi un mese di prove continue senza esito finalmente ieri notte ho avuto un mezzo risultato, anche se non è andato tutto come doveva andare; Ieri notte non riuscivo a dormire anche se avevo sonno, così alle 3 e mezza ho cominciato con il punto 3 (quello in cui bisogna stare immobili senza addormentarmi). Dopo innumerevoli movimenti riesco finalmente a rimanere completamente immobile però qui sbaglio e cado nel sonno, e qui viene la parte strana! Io lo definirei come un sogno mezzo lucido perché l’ambientazione del sogno non la scelgo io ma posso decidere ogni mia azione. Inoltre il sogno era direttamente collegato alla realtà perché, dato che mi ero addormentato in posizione supina, stavo scomodissimo, ma potevo svegliarmi e cambiare posizione solo se portavo a termine il sogno, davvero strano! Ora vengo al sogno vero e proprio: era notte e mi trovavo nel parcheggio del palazzo in cui abito e mamma mi ha chiesto di parcheggiare a spinta la macchina che sta a metà strada tra l’ingresso del parcheggio e il posto dell’auto (?), io mi scoccio di farlo però se non lo facevo non potevo cambiare posizione e mettermi a dormire per bene. Allora dopo diverso tempo decido finalmente di spingere quella macchina nel suo posto e così finalmente mi posso svegliare e cambiare posizione. Anche se non è andato tutto come doveva andare (Quando stavo immobile non dovevo addormentarmi) sono contento di essere riuscito ad avere un risultato.

        • Costantino says:

          Ah, e vorrei sapere una cosa; è meglio avere molto sonno per procedere con il punto 3, oppure si rischia di addormentarsi?

        • Ciao Costantino, complimenti per aver fatto il tuo primo sogno lucido vero e proprio! Da ora in poi è una questione di pratica per riuscire a controllare tutto l’ambiente circostante. Un consiglio: addormentati normalmente e punta la sveglia alle 4 di mattina, fai attività rilassante per 15 minuti e torna a letto a provare la OBE. È scomodo, ma così è più facile riuscirci.

          • Costantino says:

            Grazie Stefano Anch’io sono molto contento del mio risultato. Ora che mi sono abituato di più alla posizione supina, è solo questione di concentrazione per non addormentarmi. Seguirò il tuo consiglio e ti farò sapere se ci sono miglioramenti. E grazie per avermi fatto scoprire questo fantastico mondo dei sogni lucidi!

          • Stefano says:

            Di niente. 🙂

  25. francesco says:

    io sto continuando a provare ma di allucinazioni non ce ne sono granke e poi nn mi addormento “svegliato” continuo ad esercitarmi ma vorrei aiuto prk anke se ho gli okki kiusi e rilassato al massimo nn mi addormento anke se penso “voglio un esperienza extracorporea” aiutatemi grazir

    • Stefano says:

      Se non riesci ad addormentarti prima vai a letto normalmente e punta la sveglia alle 4 di mattina: alzati, stai per 15-20 minuti sveglio e prova così.

  26. Dopo diverse prove finalmente stanotte ci sono riuscita! Peccato fosse un incubo lucido 🙁 e non riuscivo a gestire quasi niente del sogno, non sono nemmeno riuscita ad uscire dal letto. Conunque è stata un’esperienza interessante e voglio riprovsrci, sperando di migliorare con il controllo.
    Ho avuto anche due falsi risvegli e il trucco della mano ba funzionato. Grazie per l’articolo! Finalmente qualcuno che non parla della cosa in senso mistico

    • Stefano says:

      Ciao Silvia, complimenti! Le prima volte è normale avere poco controllo, poi ti abitui e migliori. La parte più difficile è noiosa è già passata. 😉

  27. Ciao, sono sempre Mirco, questa storia dell’esperienza extracorporea è fantastica, dico subito che per esperienza extracorporea intendo come sogno lucido, non come anima che si stacca dal corpo, perché anche io non credo a quelle cose e non credo in Dio ma alla scienza e il fatto che noi siamo solo degli esseri viventi ospitati nella terra come gli animali, solo più evoluti. Già dall’altra sera (che come avevo commentato facevo fatica a dormire), che avevo letto questo articolo, ho pensato di provare, ma mi preoccupano certe cose… io ho… paura del buio, diciamo che la mia mente è troppo fantasiosa e già nella realtà (se è buio) ogni tanto ho qualche visione e mi parte l’adrenalina, anche se poi mi accorgo che non c’è nessun problema, quello che volevo sapere è: se io sono in un esperienza extracorporea e mi alzo dal mio letto, intorno a me c’è buio? è possibile che la mia mente mi fa immaginare cose orribili come la bambina dell’esorcista e mentre giro un angolo di casa me la trovo davanti? se ho conferma che sarà tutto tranquillo durante l’esperienza ci proverò anch’io 🙂

    • Stefano says:

      Di solito prima di entrare nel sogno lucido con questo metodo hai delle allucinazioni, ma sono solo delle macchie di colore a caso. Niente di più. Quello che sogni varia, è abbastanza casuale come cose. Di solito la mente ti fa sognare quello su cui ti sei focalizzato durante il giorno, ma non è detto.

  28. Ciao, so che è un post molto vecchio ma ho deciso comunque di commentare. Sono riuscita ad arrivare alla parte delle macchie e mi sono sentita “sollevare” dal materasso quello che non ho capito è cosa fare dopo, tu dici di “Alzarti dal letto (o levitare via da esso, se ti va) e a iniziare la tua esperienza extracorporea.”
    Puoi spiegarmi meglio questo passaggio?

    PS: Mi complimento per il sito perché è davvero fantastico 🙂

    • Stefano says:

      Difficile da spiegare, Sara: è qualcosa che devi “sentire”, non ci sono dei passi da seguire. La prima volta è normale se non hai il controllo completo del sogno, ma dopo un paio di volte ti verrà naturale controllare il tuo corpo e l’ambiente circostante. 🙂

  29. Complimenti per le “indicazioni”, sperimenterò questa notte, sebbene sia un po’ scettico sulla mia riuscita. Tentar non nuoce, vedrò come va. Ciao!

    • Stefano says:

      I primi giorni potresti fare fatica, ma io ci ho messo poco ad avere la prima OBE, mi sono molto divertito!

  30. Sono l’Angus che ha commentato prima.. Stanotte ho provato senza mettere la sveglia alle quattro, ma semplicemente andando a dormire verso le undici credo… Intorno a c’erano dei rumori, lo ammetto, ma d’estate con questo caldo non è possibile dormire con la tapparella completamente abbassata (e di conseguenza la finestra aperta e il rumore delle macchine fuori) e la porta chiusa, quindi c’erano delle cose che a volte mi distraevano. Non mi capita raramente di mettermi a dormire supino, ovvero, mi addormento quasi sempre da questa posizione e poi mi giro durante la notte. Comunque mi sono sdraiato e sono rimasto immobile. Il problema è stato che (non ho idea del perché) avevo una salivazione eccessiva (non è che sbavassi, solo che dovevo ingoiare) che mi costringeva a deglutire, oppure a un certo punto l’ha fatto in automatico il mio corpo. Gli arti erano abbastanza “mollicci”, ma non avevo una paralisi notturna. Sono rimasto per un po’ così a ripetermi la frase, ma non è successo niente per molto. Inoltre mi veniva da pensare a altro, ovvero, la mia mente iniziava a inventare strani dialoghi (ho pensato fosse l’inizio dello stato del sonno) io mi riscuotevo, ma ero troppo troppo sveglio. E ogni volta mi sembrava di ricominciare tutto da capo. Non credo di aver avuto visioni (a parte una sedia che mi finiva addosso ma da cui mi sono subito sottratto per paura che fosse l’inizio del sonno; infatti avevo smesso di ripetere la frase) forse qualcuna, ma non ne sono sicuro, poteva essere qualcos’altro. Alla fine mi sono mosso per controllare almeno il mio stato del corpo e avevo un po’ di formicolio e pesantezza, ma sicuramente potevo muovermi. Ho provato brevemente un’altra volta ma senza risultato. Mi sono addormentato. La mattina mi sono svegliato (senza l’ausilio della sveglia) alle cinque e mezza, mi sono alzato, ho fatto un giro della stanza e sono tornato a letto. (Non volevo accendere luci o computer col rischio di farmi notare dalle persone che vivono con me). Ho riprovato a pancia in giù ma senza risultato, anche perché mi sono addormentato quasi subito. Ho sbagliato qualcosa? Consigli? Scusate per la lunghezza… Ciao..
    Credo mi iscriverò a questo sito.

    • Stefano says:

      Ciao Angus, i rumori notturni possono rendere l’OBE difficile, puoi provare con dei tappi (o semplicemente aspettare l’autunno, che non manca così tanto). A pancia in giù non credo riusciresti mai, perché non sei rilassato al 100% e ti addormenti prima. La prima notte non è mai quella giusta, ma col tempo ci riuscirai. Devi un po’ allenarti. 🙂

      • Grazie della risposta, nemmeno stanotte alle 4.30 ci sono riuscito. Non riesco proprio a rilassarmi, credo sia andata peggio dell’altra volta… Riguardo alla deglutizione che devo fare? Influisce sul risultato?
        Ciao, grazie

        • Stefano says:

          Meglio non inghiottire, io non ho mai avuto questo problema. La pratica è l’unica cosa, non ci sono altre tecniche.

  31. Ciao! prima di tutti mi presento, mi chiamo Giuseppe ho 14 anni, ho trovato molto interessante questo articolo!
    Ho provato ad fare come dici te ma pultroppo ogni volta he ci provo non ci riesco e mi addormento, l’unica volta che ci sono riuscito ho sentito il braccio destro muoversi verso sinistra e il braccio sinistro sopra la gamba sinistra poi una strana senzazione di alzarsi con il busto ma niente macchie colorate o paralisi del corpo come mai?? ahh… comunque scrivo tutto su un foglio ogni volta che mi capita qual’cosa di strano. Io vorrei entrare in un sogno lucido per esplorare lo spazio (molto bello *____*) e volare,ma non ci riesco. Aiutooo D:::::::::::::

  32. Ciao ho appena letto il tuo articolo,lo trovo interessante.
    Io da piu’ di dieci anni involontariamente sperimento sensazioni extracorporali ,cio’ vuoldire che il mio corpo di addormenta ,ma io sono sveglio,e ti posso assicurare che non e’ divertente!
    Un incubo.
    Allucinazioni e suoni distorti,ombre di oggetti che prendono vita.
    Non so cosa ci sia li ,ma ti assicuro che se ti succede non te ne vai in giro per casa ,quello succede solo nei film.
    Oramai ho imparato a controllarlo,cioe’ uscira da questo trip ,concentrandomi su un dito,e riuscire a muoverlo e cosi’ facendo mi sblocco.
    La prima volta che mi e’ successo,ho spalancato gli occhi dopo essermi appena addormentato,mi sono sentito sprofondare come in Trainspotting ,il letto mi assorbiva.
    Dormivo nella stanza con mia sorella piccola,i letti erano vicini e provai a pronunciare il suo nome,ma come nel peggiore degli incubi non ci riuscivo.
    Sbattevo le palpebre e mentre srofondavo nel letto sentivo suoni distordi e vedevo ombre come in Ghost nella scena in cui le ombre si portano via il tipo cattivo.
    La mi sono detto : MERDA ma e’ un sogno o e’ la realta?
    cercavo anche di muovere la mano ,ma niente.
    Ho scoperto che era realtà solo quando,non so perche’ sono come riemerso dal letto,come in Trainspotting quando gli fanno la morfina al tipo.
    Da li almeno una volta a settimana sperimento sensazioni extracorporali.
    Se vi succede potreste reaggire male ed entrare in un bad trip ,ma ovviamente ognuno e’ libero di fare cio’ che vuole.
    Secondo me non e’ una figata !almeno che tu non sia un monaco in tibet cosi bravo da gestire la situazione e ripeto io lo vivo almeno una volta a settimana e non ho mai osato andare oltre.
    Di sogni lucidi ne ho avuto tanti ,e non e’ facile entrare nel sogno.
    il trucco e porsi sempre domande,su tutto.
    Per esempio vedete vostra sorella di 17 anni che guida l’auto,o ,voi che conducete una moto potentissima,e vi domandate: ma mia sorella non ha la patente,o ,ma io non ho una moto,e riuscite assere consapevoli che realmente e’ quasi impossibile che tu conduca una moto potentissima come se tu fossi Valentino,allora li puoi prendere il controllo,ma e’ un attimo una frazione di millesimo,se ti sfugge e’ perso e ricadi nel sogno incosciente come se niente fosse successo!

    • Costantino says:

      Ok, non proverò mai più a fare un’esperienza extracorporea ©_©
      Scherzi a parte, ricorda che è sempre soggettivo. Quella volta che ci riuscì ho sognato di parcheggiare la macchina di mia madre…

    • Cristina says:

      Andrea, quella che hai sperimentato è una “illusione ipnagogica”, o “allucinazione ipnagogica”. Cerca questi termini in rete per saperne di più. Io ne soffro in maniera ricorrente e credo sia una delle esperienze più terrificanti che esistano, purtroppo.

  33. Coronto says:

    Ma questa è la stessa tecnica dell’obe, stessa identica cosa!

  34. Bello ci proverò. Ma le allucinazioni se sono brutte cosa si può vedere?

  35. Ciao,trovo interessante questa esperienza,cosi ci ho provato e ti spiego la mia : Mi ripeto sempre in mente che devo avere un esperienza extracorporea, e piano piano (in pos. Supina) comincio a non sentire più il linguine, le dita ecc….Dopodiché non riesco ad andare avanti…Non riesco ad avere allucinazioni, pero tipo mi sn addormentato e ho sognato di trovarmi da un altra parte e dicevo tra me e me : devo uscire dal mio corpo e altre cose simili…Cosa posso fare per riuscire a fare quest’esperienza come si deve ??? non capisco se faccio bene o no…ricordo che alcune volte mi sento sbattere nel letto e sentire rumori fortissimi, ma non riesco a muovermi…. Penso : ma xk non ci riesco ??? E poi mi sveglio… Ma sembrava tutto cosi reale…xD GRZ in anticipo, spero che tu riesca ad aiutarmi

    • Stefano says:

      Prova a svegliarti la mattina presto (verso le 4), stai 20-30 minuti sveglio con attività rilassanti e riprova. 😉

      • linux123 says:

        Io credo che il viaggio astrale sia reale… in quanto se si nasconde un oggetto (da un altra persona) senza che si sappia cos’ è… e si cerca nel piano astrale e lo si trova… 3 esattamente quello della realtà!

  36. Federico says:

    Ciao Stefano, non avevo ancora letto questo articolo…. Fantastico!
    Una domanda. Per eliminare i rumori e le distrazioni, posso utilizzare i suoni bianchi che solitamente utilizzo per dormire o potrebbero rovinare l’esperienza?
    Grazie!

  37. Ma solo io riesco a farlo tranquillamente con la musica?

  38. Prima di tutto bellissimo articolo Io ci ho provato e sono riuscito a rilassarmi completamente ma il mio corpo non si spegne anche se aspetto mezz’ora e non c’è alcun segno di macchie colorate a caso, secondo te è solo questione di esperienza o sto sbagliando qualcosa?

  39. Gabriele says:

    Ciao, io ho provato, sono le 6:06 mentre ti scrivo e ti vorrei dire che purtroppo leggo che tutti ci riescono, ed io no! :c è la prima volta che lo faccio però sono arrivato all’ultimo passaggio rimanere a supino immobile, tengo gli occhi chiusi per ben 40 minuti pensando “voglio avere un’esperienza extracorporea” la cosa bella è che ad un certo punto mi dimentico cosa dovevo dire! E per un pò ho detto “voglio avere una cosa extracorporea” ma più di questo niente, l’unica cosa che ho notato è quella di aver visto con gli occhi chiusi una specie di macchia bianca, e di sentire quando mi sono girato le gambe molto pesanti, cosi come tutti gli arti del corpo, consigli? Grazie anche se è un vecchio articolo spero tu mi risponda 🙂

Trackbacks

  1. […] un post precedente avevo già parlato dell'esperienza extracorporea (altrimenti detta OBE) e di un ottimo metodo per […]

  2. […] la serenità. Oltre a questo, le tecniche di rilassamento sono molto utile quando si parla di esperienze extracorporee (delle quali tornerò a parlare molto […]

  3. […] ad indurre o a simulare un’esperienza extracorporea: ho già trattato l’argomento in un post precedente, che descrive quello che secondo me rappresenta il modo migliore per provare questa bellissima […]

  4. […] lotto, parlare con i morti, far uscire la propria anima dal corpo e così via. Okay, per quanto le esperienze extracorporee possono avere un fondo di verità, è difficile trovare su internet una fonte sicura e affidabile […]

Speak Your Mind

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.